YoungCARITAS stories

Linda – Boarding to Verona with S.C.U.

Ciao, mi chiamo Linda, vengo da Udine ma attualmente svolgo il Servizio Civile presso l’Emporio della Solidarietà “Don Giacomelli” di Verona. Devo essere sincera, questa scelta è stata un po’ una sorpresa non solo per i miei genitori, ma anche per me. Ho sempre vissuto e studiato a Udine per cui non ero mai uscita dalla mia comfort zone fino a gennaio 2021 in cui ho scelto di provare a candidarmi per un progetto qui a Verona. Quando ho scoperto di essere stata selezionata ammetto che nelle settimane successive mi sono fatta strada attraverso un turbinio di emozioni che mi...
Read More

Giorgia – Molteplici prospettive e nuove direzioni

In questi giorni un’amica mi ha chiamato per chiedermi alcuni consigli sul Servizio Civile e per conoscere la mia esperienza, dato che sta pensando di candidarsi anche lei… “Caspita! un anno fa io ero nella sua stessa condizione” – ho pensato quando mi ha chiamata. Ero alla ricerca di un progetto che mi piacesse e allo stesso tempo che fosse in linea con le mie competenze e il mio percorso di studi. Oggi, trascorsi otto mesi di servizio mi guardo indietro (anche perché ci tengo a rispondere alla mia amica e vorrei che lei facesse la sua scelta in modo...
Read More

Elia – Fare in piccolo, fare bene

Quando si pensa all’immagine della persona povera a molti viene in mente quella di un barbone per strada, sporco e coi vestiti stracciati. Questo è il tipo di persona che mi aspettavo di incontrare all’Emporio della Solidarietà attraverso l’esperienza di Servizio Civile. Invece già dalla prima settimana ho iniziato a capire che il concetto di povertà è molto più complicato… Mi chiamo Elia e ho 20 anni. Ho deciso di iniziare il Servizio Civile dopo aver finito il mio periodo scolastico delle superiori. Avendo finito la scuola in un periodo molto difficile in cui ancora si capiva poco del Coronavirus...
Read More

Agnese – Verso un futuro che cambia e si trasforma

Ho iniziato a frequentare l’Emporio della Solidarietà come volontaria in un periodo ”vuoto” in cui, dopo mesi di quarantena, mi ero stancata di avere lo studio come unica priorità. Sentivo il bisogno di fare altro che mi impegnasse e mi desse nuovi stimoli. Il Servizio Civile non era minimamente nelle mie intenzioni iniziali ma è stato un tempo che mi sono presa per me, per provare qualcosa di nuovo e completamente diverso da quello che ho sempre fatto. Tutto sta nel vedere cosa ne salta fuori… e godersela.

Remo – Le avventure di un fumettista scout all’Emporio della Solidarietà

Erano i miei primi giorni di servizio, e mi ritrovavo spesso e volentieri a spostare casse piene di frutta e verdura… però a mani nude, perché continuavo a dimenticarmi i guanti da lavoro. Un volontario, forse volendo porre fine al triste spettacolo di questo disegnatore dalle mani delicate che si spellavano alzando due cassette, mi prese in disparte un attimo e me ne regalò un paio. “Scrivici il tuo nome sopra, mi raccomando”, mi disse.

Ilaria – La mia esperienza assieme alle persone

Dopo anni di decisioni prese più con la testa che con il cuore, ero finita in un limbo di immobilità e monotonia a cui dovevo assolutamente mettere fine. Ho acceso il computer, ho digitato le due parole fatidiche “volontariato” e “Caritas” e in due secondi è apparso un video in cui un ragazzo parlava della sua esperienza di Servizio Civile. L’ho capito subito. Anche io volevo far parte di questa realtà…