corsia Emporio con prodotti

Progetto Empori della Solidarietà

La Rete veronese degli Empori della Solidarietà è un’alleanza dinamica tra enti pubblici ed enti del privato sociale. Attualmente i soggetti coinvolti sono 87 (Comuni, Parrocchie, Associazioni), con una media di circa 10 partner per ogni rete locale. L’obiettivo condiviso sul tema della distribuzione dei viveri è la sostituzione del sistema del “pacco spesa” con un modello di aiuto alimentare integrato e coordinato.

Gli Empori della Solidarietà non si riducono però all’aiuto alimentare, l’aiuto alimentare è piuttosto un mezzo e non il fine dell’azione di supporto. Nel sistema Empori, l’obiettivo generale è infatti quello di sostenere le famiglie beneficiarie nel processo di empowerment, attraverso azioni finalizzate al rafforzamento delle competenze e all’ampliamento delle reti di socialità attraverso l’attività dell’Officina culturale. L’Officina culturale è un luogo dove trovare gli spunti per avere informazioni accurate, acquisire nuove capacità, lavorare su se stessi e potenzialmente cambiare il proprio futuro, con il supporto di tutta la comunità. L’Officina culturale ha in particolare un progetto spin off denominato Leggere: Cibo per la mente che punta ad avvicinare alla lettura i beneficiari degli Empori, in particolare i minori.

L’altro strumento fondamentale per l’empowerment dell’utenza è l’accompagnamento individualizzato attivato dai volontari dei centri d’ascolto territoriali, supportati dagli operatori di Caritas Diocesana.

Precisamente, tutta l’azione degli Empori della Solidarietà non sarebbe possibile senza i volontari, che sono il cuore e l’asse portante di questo progetto, senza i quali esso non sarebbe obiettivamente possibile.

Oggi gli Empori della Solidarietà sono 10 e precisamente:

  • Emporio della solidarietà Don Giacomelli, Verona Centro,
  • Emporio della solidarietà Il Tione, Villafranca,
  • Emporio della solidarietà Casa di Martino, San Martino Buon Albergo,
  • Emporio della solidarietà San Martino, Legnago,
  • Emporio della solidarietà di Sona – Sommacampagna, Lugagnano,
  • Emporio della solidarietà Verona Est, Verona,
  • Emporio della solidarietà Gesù Buon Pastore, San Giovanni Lupatoto,
  • Emporio dell’Unità Pastorale di Borgo Roma, Verona
  • Emporio 12 Ceste, Bardolino
  • Emporio della solidarietà Borgo Venezia, Verona.

L’approvvigionamento degli scaffali dell’Emporio avviene attraverso 3 canali principali:

  • DONAZIONI DI PRIVATI e RECUPERO ECCEDENZE AZIENDE LOCALI DELL’AGROALIMENTARE: le donazioni vengono orientate in funzione della necessità del momento per rispondere in modo mirato ai principi di un’alimentazione sana.
  • ACQUISTI: parte dei prodotti alimentari freschi (frutta e verdura, carne, pesce, latte e latticini, uova) così come olio extra vergine, zucchero, farina, caffè e tè, sale, tonno, viene acquistata per integrare il donato in termini di quantità e varietà, con l’obiettivo di permettere agli utenti degli Empori di seguire una dieta equilibrata, varia e sana. Vengono acquistati soprattutto i prodotti la cui modalità di conservazione non è compatibile con le tempistiche della donazione (uova, carne e pesce, latticini freschi) e prodotti per l’igiene personale e domestica; inoltre, all’inizio dell’anno scolastico vengono acquistati kit educativi per garantire che ogni bambino si presenti a scuola con tutto il materiale richiesto dagli insegnanti.
  • AGEA (organismo a cui è delegata la gestione degli interventi per la distribuzione degli aiuti alimentari in attuazione del FEAD – fondo europeo di aiuto agli indigenti). Una buona parte dei prodotti confezionati (latte, legumi, pasta, salsa e polpa di pomodoro, confetture, cereali) distribuiti dagli Empori della solidarietà proviene da questo canale.

Per saperne di più vai alla pagina operativa degli Empori.