bannersito2.pngbannersito5xmille.png

Home

Siria: un paese in cerca di speranza

La Siria attende aiuti. La Siria è un paese fantasma i cui abitanti attendono con speranza la ricostruzione. Raqqa è una capitale di uno stato fantasma, dove ricominciare sembra quasi impossibile. Il 2 dicembre anche Papa Francesco all'Angelus, presente il cardinale Mario Zenari, veronese e nunzio apostolico nel martoriato paese, ha ricordato l'amata Siria, accendendo un grande cero arrivato da Damasco.

Oggi l'aiuto di ognuno è imprescindibile perché, dopo otto anni di guerra, ora serve solidarietà per la ricostruzione. 

Il cardinale Mario Zenari, è in prima linea per fronteggiare la povertà, per fare in modo che gli ospedali funzionino, in una terra dove sono morte centinaia di migliaia di persone, per la guerra, di cui ventimila minorenni. E in questo Avvento, vogliamo ricordare le parole del Papa che danno speranza di pace e ricostruzione:

«L'Avvento è tempo di speranza. In questo momento vorrei fare mia la speranza di pace dei bambini della Siria, dell'amata Siria, martoriata da una guerra che dura ormai da otto anni -  ha detto Bergoglio -  Per questo, aderendo all'iniziativa di Aiuto alla Chiesa che Soffre, accenderò un cero, insieme a tanti bambini che faranno lo stesso, bambini siriani e tanti fedeli nel mondo che hanno acceso le loro candele. Dio, nostro Signore, perdoni coloro che fanno la guerra, che fanno le armi per distruggersi e converta il loro cuore».

L'iniziativa per la Siria, appoggiata da Papa Francesco, ha impegnato oltre 50mila bambini, appartenenti a diverse religioni, di molte città siriane tra cui Aleppo, Damasco, Homs, Marmarita, Hassakè, Tartus e Latakia. I piccoli siriani, moltissimi dei quali vivono dalla nascita nella guerra, hanno espresso la loro idea di pace con disegni che hanno posto sulle loro candele: croci, colombe e messaggi di speranza.

Il cardinale Zenari ha commentato questa iniziativa di Aiuto alla Chiesa che soffre evidenziando come la Siria sia l'orribile esempio del massacro di innocenti perché sono proprio i bambini a pagare il prezzo più alto, uccisi e traumatizzati dal continuo scoppio di bombe.

L'accensione delle candele in tutto il mondo, la richiesta di aiuti costanti per aiutare le popolazioni sfinite dalle privazioni, è l'impegno internazionale per questo Avvento. 

La speranza c'è!  Bisogna fermare la guerra. Bisogna fermare la povertà estrema che tocca il 70% della popolazione.

Aiutiamo insieme la Siria. Accendiamo una candela e doniamo per i bambini siriani.

Info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - 0458300677

Caritas Diocesana Veronese - L.ge Matteotti, 8 - 37126 - Verona (VR) - Tel. 045 8300677 - Fax. 045 8302787 - email Contatti