Giornata internazionale contro la violenza sulle donne

25 novembre – Giornata internazionale contro la violenza sulle donne

Istituita dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 1999 questa ricorrenza ha come obiettivo di invitare i governi, le organizzazioni internazionali e le ONG a organizzare e promuovere attività volte a sensibilizzare l’opinione pubblica sul problema della violenza contro le donne.

Caritas Italiana nel suo ultimo rapporto su povertà ed esclusione sociale “Oltre l’ostacolo” evidenzia che in generale, a pagare un duro prezzo, forse il più salato, sono state senza dubbio le donne. La convivenza forzata durante la fase di lockdown ha rappresentato in alcuni casi il detonatore per l’esplosione di comportamenti violenti, in altri l’aggravante di situazioni che già precedentemente erano violente, che hanno spinto, anche in contesti internazionali, a parlare di una doppia pandemia: epidemiologica e di violenza.

Nel 2020 attesta l’Istat, le chiamate al numero 1522 contro la violenza e lo stalking, sono aumentate del 79,5% rispetto al 2019, sia per telefono, sia via chat. Il boom di chiamate si è avuto proprio a partire da fine marzo, con picchi ad aprile (+176,9% rispetto allo stesso mese del 2019) e a maggio (+182,2 rispetto a maggio 2019), e in occasione del 25 novembre, la giornata in cui si ricorda la violenza contro le donne, anche per effetto della campagna mediatica (+114,1% rispetto al 2019).

Sono numerosi i progetti sostenuti da Caritas Diocesana Veronese a favore di donne e madri in situazioni di difficoltà che hanno l’obiettivo di offrire risposte concrete e adeguate ai bisogni e richieste di intervento intercettati. Tra questi le attive strutture di accoglienza coordinate network “Rete Donna” (leggi la storia di Kamelia) e l’App Ehilapp! che offre un orientamento sui servizi e gli enti del territorio che operano a supporto delle donne.

Per saperne di più: