Terremoto: aggiornamento Pasqua

Sono trascorsi 8 mesi dal primo sisma che ha sconvolto il centro Italia la scorsa estate. Vicino alle popolazioni la rete Caritas nel cammino di ricostruzione.

Ultimi aggiornamenti di Pasqua dal Gruppo Emergenze Delegazione caritas Nord-Est

Ricapitolando possiamo dire che grazie alla colletta nazionale del 18 settembre e alla generosa risposta solidale, sono finora pervenuti a Caritas Italiana oltre 21 milioni di euro, incluso il milione messo a disposizione dalla CEI. Si possono così garantire, grazie anche ai gemellaggi attivati, interventi di tre tipi:
- Primo aiuto: aiuti diretti a favore degli sfollati (es. acquisto beni primari), potenziamento di servizi di ascolto, socializzazione, animazione delle comunità, interventi a carattere comunitario (es. posizionamento di strutture provvisorie leggere per aggregazione e socializzazione), presenza costante sui territori di operatori qualificati con ruolo di coordinamento a livello diocesano. 1 milione €
- Centri di comunità: strutture socio-pastorali per favorire le relazioni, la condivisione e la partecipazione. Il primo è stato inaugurato ad Amatrice il 24 novembre 2016 e in emergenza è stato utilizzato come presidio sanitario. Sempre nella Diocesi di Rieti prima di Natale sono stati aperte altre piccole strutture socio-pastorali. Anche a Norcia si è avviata la costruzione di un Centro di comunità e se ne prevedono altri nelle varie Diocesi colpite. 13.000.000 €
- Sviluppo sociale ed economico: sostegno alle attività economiche attraverso microcredito per produzione, valorizzazione dei prodotti, delle risorse umane e strutturali, abbattimento dei costi di produzione, supporto strutturato ai bisogni delle famiglie (sussidi per l'acquisto di beni di prima necessità, arredi per la casa...). 7.000.000 €

La fase della prima emergenza non è ancora conclusa essendo intrinsecamente legata alla precarietà delle persone terremotate, che ancora la esprimono in tutta la loro drammaticità, ma si è già avviata la fase della progettazione sociale. Questa progettazione nasce dalla lettura dei bisogni e delle risorse di tipo pastorale, sociale ed economico dei territori colpiti.
Saper stare e agire in un contento territoriale che si è modificato velocemente e profondamente in tutti suoi aspetti, significa in primis saperlo conoscere, riconoscere e ricomprendere.

Caritas Diocesana Veronese - L.ge Matteotti, 8 - 37126 - Verona (VR) - Tel. 045 8300677 - Fax. 045 8302787 - email Contatti